The ;urder Capital

NEW MUSIC FRIDAY: The Murder Capital

The Murder Capital e la rinascita del post-punk irlandese

The ;urder Capital
di Elisa Susini

Il post-punk ebbe il suo glorioso inizio nel Regno Unito tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, ma il genere sta vivendo una vera rinascita anche nel 2019, in particolare in Irlanda.

Con l’arrivo sulla scena dei FONTAINES D.C. e, più recentempente, dei Girl Band, questo afflusso di talenti ci ha fatto credere che al momento ci sia qualcosa di speciale nelle acque irlandesi. Per questo la band di cui vi voglio parlare oggi sono i dublinesi The Murder Capital.

Ciò che rende interessante questa band, è il modo non convenzionale in cui creano momenti catartici: anziché reagire alle turbolenze politiche con rabbia e calci come i colleghi IDLES, i The Murder Capital, con il loro album di debutto uscito a fine agosto, “When I Have Fears” (Human Season), attingono da un pozzo di suoni punk e post punk, trattando temi che vanno dal dolore della perdita, dalla vulnerabilità, alla mortalità. Il risultato è inequivocabilmente triste, ma al tempo stesso crea un’atmosfera sommessa e intensa, che raramente si trova nel punk rock.

Gli argomenti trattati saranno anche abbastanza canonici, tuttavia, James McGovern e la sua truppa (Damien Tuit, Cathal Roper, Gabriel Paschal Blake e Diarmuid Brennan) li interiorizzano così profondamente, tanto da creare del vero e proprio disagio.

Il motivo per cui vi consigliamo i The Murder Capital, nonostante il fatto che siano apparsi sulle scene solo poco meno di un anno fa, è che sono una band dall’attitudine giusta, con influenze musicali interessanti, e che è riuscita a dimostrare dalla disperazione può venire fuori molta bellezza, con un disco molto cupo ma anche illuminante.

Facebook
Instagram

Ti sei perso le puntate precedenti di New Music Friday? Recuperale qui!

Post a Comment